Pani cun gerda


Da quando in casa mi è nato il lievitino fioccano le richieste! Eh sì…Simon ci sguazza felice in tutta questa storia e ogni tanto (spesso) risveglia voglie degne di una donna in gravidanza!!! 😀
Questa volta però ci si è messa anche mia mamma, che appena ha sentito nominare, dal suo amato genero, le paroline magiche (provate a nominare il pani cun gerda ad un sardo e vedrete voi stessi la reazione!) si è illuminata e guardandomi con occhi supplichevoli mi ha detto: ” Che buono…lo sto desiderando”… a buon intenditor poche parole!!!
E quindi Simon mi ha procurato un pezzetto di buon lardo casereccio, e armata di santa pazienza domenica ho preparato la gerda, rinfrescato il lievito e impastato questi panini che ormai sono difficili da trovare in commercio, almeno qui in città…
Per i curiosoni che non vogliono aspettare a leggere il procedimento della ricetta, vi svelo che il pani cun gerda altro non è che il pane coi ciccioli, che credo si faccia anche in altre regioni d’Italia.

113_1600

  • 300 g di lievito madre rinfrescato la sera prima
  • 300 g di farina
  • 150 g di acqua
  • 200 g di lardo
  • sale q.b.

Prima di tutto bisogna fare i ciccioli: prendete il lardo, tagliatelo a cubetti e disponetelo in un pentolino. Sul fuoco più piccolo che avete, mettete due spargifiamma uno sopra l’altro; aiuteranno a distribuire il calore che scioglierà il grasso del lardo senza farlo friggere (si comprometterebbe la riuscita della gerda). Accendete il fuoco molto basso, mettete il pentolino col lardo e dimenticatevelo lì per almeno un’ora (io ci ho impiegato più di tre ore, ma avevo sistemato il fuoco decisamente troppo basso!). Controllate di tanto in tanto, per verificare che il grasso sciolto non frigga; quando noterete che i pezzetti di lardo sono totalmente immersi nel loro grasso sciolto, si sono rimpiccioliti e hanno assunto un colore dorato, spegnete il fuoco, lasciate raffreddare il pentolino il tanto giusto per poter colare i ciccioli e conservare il loro grasso in un contenitore.
Il grasso sciolto, infatti, a questo punto è diventato strutto; potete conservarlo in frigo e usarlo per altre ricette.

Procediamo con l’impasto: in una ciotola versate la farina, il sale, i ciccioli e mescolate; sciogliete il lievito nell’acqua e infine incorporate gli altri ingredienti. Lavorate l’impasto per amalgamare bene tutto, dategli una forma allungata (come per fare una baguette) e tagliate tanti pezzetti di pasta. Disponeteli ben distanziati su una teglia con carta da forno, spolverate di farina la superficie e metteteli a lievitare nel forno spento.
A lievitazione ultimata (almeno 4 ore), preriscaldate il forno ventilato a 220°, disponete una ciotola con un fondino d’acqua alla base (serve per l’umidità che verrà inglobata dal pane), infornate i panini e lasciate cuocere per 15 minuti, quindi abbassate la temperatura a 200° e finite di cuocere per altri 10 minuti o finchè i panini non saranno dorati.

Sono squisiti!!! Ma cercate (non sarà facile!!!) di non farne una scorpacciata, come potete intuire non sono esattamente dietetici! 😀

Per votarmi su Grazia.it:
runner

Annunci

3 thoughts on “Pani cun gerda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...