Grissini integrali con lievito madre


Buona domenica a tutti!!! Qui oggi splende il sole e anche ieri era davvero una bellissima giornata tiepida…speriamo che duri!
Nei giorni scorsi sono stata impegnata in un’operazione di pronto soccorso e rianimazione di uno strano paziente: il lievitino di una mia cara amica era moribondo, elettrocardiogramma ed encefalogramma completamente piatto!!!
Il fatto è che Gè (convertita anche lei alla causa del lievito madre), aveva in mente un progetto ambizioso: trasformare il suo lievitino in lievito naturale integrale. Non si sa cosa sia andato storto…io ipotizzo che il brusco abbassamento di temperatura sia stato la causa principale dello stato comatoso in cui versava il poverino: era ormai completamente liquido e senza alcuna bollicina che indicasse attività di fermentazione…sebbene l’odore fosse quello tipico, un pò acidulo. L’ho presa come sfida e ho iniziato la terapia intensiva: rinfreschi ravvicinati con farina raffinata 00 (rimane il dubbio che la farina integrale non si presti bene alla formazione dei lieviti), dapprima senza l’acqua prevista perché era davvero troppo liquido, e con l’aggiunta di un pezzetto del mio lievito attivo, per aiutarlo a tirarsi su. I successivi rinfreschi li ho fatti come da normale procedura e tenendo il “bimbino” ricoverato in luogo caldo e avvolto in una coperta. Ieri finalmente il miracolo: è uscito dal coma, pieno di energia…è resuscitato!!! Il mio “figlio surrogato”… lo chiamo così perchè come dice Gè: lei lo ha fecondato e io ho prestato l’utero 😀 !!!
Ecco che così, se per il primo “bimbo” non ho mai proceduto al rito del dargli un nome, questa volta la creatura è stata battezzata: Lazzaro…il lievito resuscitato! 😀
E piena di soddisfazione per il risultato ottenuto, ho invitato Gè e consorte a cena e ho preparato questi buonissimi grissini integrali (adatti anche per chi è a dieta 😉 ) e dei panini integrali al latte di cui però vi parlerò un’altra volta…

113_1751

 

  • 125 g di lievito madre rinfrescato il giorno prima
  • 500 g circa di farina integrale (più un pò di farina 00 per la spianatoia)
  • 250 g d’acqua minerale o filtrata, tiepida
  • 1 cucchiaio d’olio evo
  • 1/2 cucchiaino di miele o zucchero (per aiutare la lievitazione)
  • 5 g circa di sale

Sciogliere il miele nell’acqua tiepida e versare il liquido sul lievito; mescolare per sciogliere bene il lievito, se l’avete potete usare il mixer, anche per l’operazione di impasto successiva.
Aggiungere l’olio, tutta la farina integrale, il sale e impastare per qualche minuto fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti; formare un panetto dello spessore di circa un centimetro, cercando di dargli una forma il più possibile rettangolare e mettere a lievitare per 4-6 ore. Trascorso il tempo di lievitazione tagliare delle strisce di pasta dal panetto, e lavorarle una per una attorcigliandole su se stesse e tirandole delicatamente per allungarle. Disporre i bastoncini ottenuti su una teglia con carta da forno oliata e infornare in forno ventilato preriscaldato a 220° per circa 15 minuti.

Far raffreddare;  io li ho serviti come antipasto, avvolti in fette di buon prosciutto crudo… 😉

113_1729Questa storia ha una morale: prima di buttare un lievito che sembra morto, dategli un’altra possibilità prendendovene cura spesso e tenendolo al caldo. Sono sicura che nella maggior parte dei casi, avrete un Lazzarino pure voi! 😉 … a buon intenditor poche parole (vero L.???) 😀

Per votarmi su Grazia.it:
runner

 

Annunci

18 thoughts on “Grissini integrali con lievito madre

  1. Ahahahah che simpatica che sei, bellissima la storia, sono contento sia resuscitato, e splendidi questi grissini, dai che proverò anch’io a fare il lievito madre, grazie e buona domenica!!

    Mi piace

  2. È vero ragazzi son io la responsabile dell’aborto involontario del piccolo Lazzaro! Ma vi assicuro che le affettuose e competenti cure di Fede me l’hanno finalmente fatto riabbracciare….anzi che dico …. Divorare! Invitanti, croccanti, profumati e dal sapore unico dell’ integrale. Li consiglio a tutti!

    Mi piace

  3. …..che, dici a me? ;D che meraviglia e che soddisfazioni Federica mi sta dando il nostro (tuo e mio, perché mi hai assistita passo passo) lievito madre..!!! In questi giorni ho provato a preparare una ricetta toscana, che più tardi posterò (prima mi tocca cucinare sennò fra un po’ mangiano me!) ed è stata un successone!
    E Lazzaro? Quanto mi fai ridere Fede!!! :D. Pensa che anche qui l’altro giorno lo avevo rinfrescato con la farina di grano duro (non ne avevo altra) e la mattina dopo era un po’ mortarello, ma seguendo i tuoi consigli l’ho rinfrescato con la farina giusta e miele e dopo qualche ora, tenendolo bene al caldo, è “scoppiato”!
    Uh mamma quanto ho scritto!! Scusami… Mi son fatta prendere la mano..!!

    Ps sai che sabato sera, da amici, abbiamo mangiato la pizza (comprata 😔) e una volta a casa i miei tre ometti mi han detto ” però a noi è mancata la tua!!!”. Cherrrrufffffianiiii!!!!! 😀

    Bacio bacioso,
    L. 😉

    Mi piace

  4. Ecco, vedi, questo post capita proprio a fagiolo, come si usa dire 🙂
    Mi è stata regalata durante un corso di Panificazione a Monza, della Pasta Madre… abbiamo imparato a fare solo il Pane ma volevo provare anche a fare qualcosa d’altro e sicuramente utilizzerò la tua ricetta e vediamo se anche a me escono dei grissini così meravigliosi!

    Complimenti!!!!!!! (Mi è venuta fame solo a guardarli, bau!)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...