Pancarré all’orzo


La prima volta che preparai e pubblicai questa ricetta, risale a 6 anni fa.
Un esperimento ben riuscito che oggi vi ripropongo perché ho in mente di rifarlo a breve.
Oltre l’aspetto divertente, con la sua spirale interna che richiama un prodotto industriale uscito in commercio parecchi anni fa (ma in versione “biscottata”), il risultato che otterrete è un pane morbidissimo, leggero e saporito!
E a breve vi spiegherò anche come ottenere le fette biscottate, da spalmare a colazione, uguali uguali a quelle famose di cui vi parlavo prima 😉
Siete curiosi e avete voglia di mettere le mani in pasta?!? Bene… allora, seguitemi in cucina 🙂

  • 300 g di farina Manitoba
  • 200 g di farina 0
  • 250 g di lievito madre (rinfrescato la sera prima). In alternativa 7 g di lievito secco o 1/4 di un panetto di lievito di birra fresco
  • 50 g di latte tiepido
  • 50 g di olio di semi di girasole
  • 150 g circa di acqua
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale
  • 6 cucchiaini di orzo solubile (se vi piace, potete aggiungerne anche qualcuno in più)

Con la planetaria il lavoro si alleggerisce, ma si può realizzare anche a mano: sciogliere il lievito nel latte con lo zucchero, e aggiungere le farine, l’olio, il sale e una parte dell’acqua. Versare l’acqua poco per volta, perché in base all’umidità dell’aria potrebbe volercene un po’ di più o di meno della dose indicata.
Una volta pronto l’impasto dividerlo in due, rimetterne una parte nella ciotola e aggiungere l’orzo solubile, impastando fino ad aver incorporato tutto l’orzo in maniera uniforme: il panetto assumerà un colore scuro ed omogeneo.

Arrivati a questo punto, stendere i due impasti separatamente, cercando di dargli una forma rettangolare; quindi sovrapporre l’impasto all’orzo sopra a quello bianco e arrotolare partendo dal lato lungo; richiudere i lembi verso il basso e lasciare lievitare in una forma per plumcake (oliata e infarinata), coperto e in un luogo tiepido fino al raddoppio.

Cuocere in forno ventilato preriscaldato a 220° i primi 10 minuti e abbassare a 200° gli ultimi 15 minuti.

Fate raffreddare su una griglia, prima di tagliarlo a fette e gustarlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...